Un dramma in Livonia

“Un dramma in Livonia”, di Jules Verne (a cura di Giuseppe Panella e Massimo Sestili) Altrimedia Edizioni, € 16,00

Un dramma in Livonia: un inedito di Jules Verne (Nantes, 1828- Amiens, 1905), l’autore de “Il giro del mondo in 80 giorni” e “Ventimila leghe sotto i mari”. Un libro del 1904, che non conoscevamo e che ci può sorprendere. È edito da un piccolo editore, Altrimedia Edizioni, che balza all’attenzione generale con una pubblicazione di qualità. Il tutto a cura e per la traduzione di due professori e scrittori, Massimo Sestili (docente presso una Scuola Media Superiore di Roma) e il “nostro” Giuseppe Panella (che insegna alla Normale di Pisa).
Quale miglior occasione per una chiacchierata in compagnia, o se vogliamo un’“intervista di gruppo”, neanche fossimo in videoconferenza?

Metto prima di tutto un breve estratto, dall’inizio dell’opera. Il romanzo tocca una vicenda che ha per protagonista Dimitri Nicolef, un sostenitore del panslavismo, il movimento culturale ottocentesco che, sulla scia degli ideali romantici, propugnava una presa di coscienza dei popoli slavi circa le proprie radici comuni, al fine di creare un unico stato slavo. Una falsa accusa di omicidio e un complotto creano le premesse per una vicenda avventurosa e tinta di dramma. Ce n’è abbastanza per lasciarsi coinvolgere, tra investigazione e un retrogusto di storia che risente molto della tristemente nota vicenda dell’affaire Dreyfus, svoltasi tra il 1894 e il 1906.

Introduzione e intervista di Giovanni Agnoloni

Un dramma in Livoniaultima modifica: 2009-02-18T05:00:00+00:00da mirea1954
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento