Rhemes o della felicità

Ernesto Ferrero: “Rhemes o della felicità” – Liaison 2008 – 

Questo libro nasce come la rielaborazione ampliata del capitolo Nos jours passent comme l’ombre inserito ne I migliori anni della nostra vita edito da Feltrinelli nel 2005.
Racconta dei “ritiri” che Giulio Einaudi organizzava in questa valle aspra della Val d’Aosta. Ancora oggi trascurata dalla massa più feroce dello sci di massa. Trattasi infatti di zona ancora ritirata su sé stessa, avara di espansione umana ma ricchissima di un fascino antico, finalmente ancora montano.
Qui Ferrero ambienta un mondo estivo trafitto di ricordi anche dolorosi per quanto sono pieni, ed oggi insostenibili. Il peso della malinconia, e della nostalgia, è a volte un bagaglio troppo pesante da portare. Allora bisogna anche parlarne per alleggerirlo. Ferrero narra degli uomini dell’Einaudi e lo fa con l’occhio alla montagna. Un aspetto inedito, questo, anche perché pochi conoscono la voglia di escursioni che divorava Giulio Einaudi. Quell’editore così raffinato, e così intento a creare un progetto editoriale unico, aveva una camminata sciolta, da camoscio. Quella che fa sì che gli altri restino subito indietro con la lingua a penzoloni.

… revcensione di Alberto Pezzini

Rhemes o della felicitàultima modifica: 2009-02-19T18:56:44+00:00da mirea1954
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento