L’adultera

L’ADULTERA. ( Longanesi, collana Biblioteca dei narratori. ) di GIUSEPPE CONTE

Perché l’episodio dell’adultera, inizialmente, non era stato incluso nel Vangelo di Giovanni?
Forse a questo si puó rispondere che ai suoi inizi il potere eclesiastico non avrebbe potuto tollerare
l’adulterio.
Ma anche altrove, in questo racconto evangelico, si possono trovare significati importanti.
Ad esempio Scribi e Farisei non chiedono al Maestro di dire la sua per essere a loro volta consigliati
sul come comportarsi con la peccatrice, ma per indurlo a sbagliare. Già che se deciderà per il perdono trasgredirà egli stesso la legge di Mosé. Mentre se sarà d’accordo nel condannare l’adultera, verrà meno la sua dottrina votata alla misericordia. Il Maestro si mette si mette a fare dei segni sulla terra.
( Cosa sta scrivendo, i loro peccati? ). Poi dice: ” Chi tra voi é senza peccato scagli la prima pietra.”
Certamente, quello dell’adultera, per la sua collocazione e la sua tematica, é uno dei più profondi e importanti racconti del Vangelo. Per la cristianità ha il significato dell’abolizione della condanna a morte.
Ma cosa intendeva il Maestro con le parole: ” Va e d’ora in poi non peccare più.”

Marino Magliani

L’adulteraultima modifica: 2009-11-02T22:31:00+00:00da mirea1954
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento