Dieci luoghi dell’anima

“L’unica funzione della nostra coscienza è quella di creare finzioni, mentre la conoscenza è data dal cuore, dall’anima”. Fabrizio Falconi raccoglie l’eredità di Andrej Tarvovskij nel suo Dieci luoghi dell’anima – dieci itinerari dieci storie (Cantagalli, pagg. 114, euro 13.90) per raccontare con l’armonia delle parole la manifestazione della spiritualità, passando dal Monastero del Monte delle Tentazioni di Jericho fino a Taizè. Abbiamo incontrato Fabrizio, oggi caposervizio vaticanista di Mediaset, per parlarne insieme.

Perchè hai deciso di scrivere questo libro?

Dopo tanti viaggi volevo fare i conti con alcuni luoghi che si erano sedimentati nella coscienza e anche nell‘in-coscienza – nei sogni per esempio. Ci sono posti al mondo che non ci lasciano indifferenti e che continuano a parlarci anche a distanza di molto tempo.

La fede è una conditio sine qua non per apprezzare la bellezza dei luoghi che descrivi?

No.

Chiunque capiti su queste strade, a prescindere dal suo percorso personale e dalla fede può goderne l’incanto e la bellezza.

… L’intervista di Eleonora Bianchini a Fabrizio Falconi continua QUI

 

Dieci luoghi dell’animaultima modifica: 2009-04-29T12:52:53+02:00da mirea1954
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento