Cento Madri

L’autore, gliene va dato atto, ha fatto di tutto per imbrogliare le carte. Il suo, come dice Ruffilli, è un romanzo sperimentale dove a tratti la prosa, per quanto ruvida, rasenta la poesia. Anch’io sono stato conquistato da questa poetica ruvidezza, dall’invenzione stilistica, dalle visioni che si alternano senza soluzione di continuità. Ed ho creduto a lungo che, non di un romanzo si trattasse, ma di una favola senza alcuna, o scarse attinenze, con la realtà. Ma mi sbagliavo. L’effetto di frantumazione o di molteplicità, e dunque fantastico, che si percepisce nel corso della lettura non è casuale. L’autore ha utilizzato diversi espedienti per raggiungerlo. Primo fra tutti il lessico che si presenta vario e ricercato. Qua e là affiorano parole colte cariche di rimandi e significati ed altre prese apertamente dal dialetto siciliano e prontamente nobilitate in una lingua resa in questo modo più colorita ed espressiva. A questo concorre l’utilizzo di vocaboli consonantici sparsi qua e là nel testo, per suscitare sensazioni onomatopeiche e di straneamento. Effetto che si accentua quando l’autore, che normalmente narra le vicende del Bambino in terza persona, si mette a fare ragionamenti ed evocazioni direttamente in prima persona lasciando così trapelare un coinvolgimento diretto nelle vicende narrate. Che questo coinvolgimento ci sia mi sembra innegabile. E’ l’autore stesso ad ammetterlo, fornendoci fin dalla prima pagina, quella delle mongolfiere, le coordinate temporali delle vicende narrate. In quel brano si cita lo Sputnik che si perse “negli abissi slabbrati del cosmo”. Questo accadeva nel 1957 quando l’autore, un ragazzetto di appena sei anni, poteva verosimilmente osservare le mongolfiere che si innalzavano oltre la Valle dei Templi. La globalizzazione era di là da venire. Sono le parole stesse dell’autore ad autorizzare una lettura meno sociologica e più intimistica: “Avevamo, in quei tempi rossastri, gli occhi rivolti al cielo”.

Silvano Fantini

Cento Madriultima modifica: 2009-07-26T23:19:00+02:00da mirea1954
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento